LA ISO50001 PER UN VIAGGIO NEL FUTURO
24 Giugno 2020

SIMET : DALLE STRADE ALLE CASE

Dopo decenni di esperienza nella gestione degli impianti di Pubblica Illuminazione, Simet si affaccia sul mondo della gestione degli impianti elettrici e dell’illuminazione degli spazi comuni condominiali. Si è, infatti, aggiudicata, in Riunione Temporanea di Imprese con Gemmo spa e MST srl, uno dei 4 lotti con cui Aler (Agenzia Lombarda per l’Edilizia Residenziale) intende affidare, per la prima volta in Italia, non solo la gestione degli impianti di riscaldamento ma anche quella degli impianti elettrici condominiali. Forte della sua competenza nel settore degli impianti elettrici e di illuminazione, Simet si occuperà, in seno al Raggruppamento, di sostituire gli impianti di illuminazione presenti, obsoleti e poco efficienti, e di riqualificare gli impianti elettrici degli spazi comuni e di assicurarne, successivamente, anche la manutenzione.
Per l’aggiudicazione è stata determinata l’esperienza maturata nell’esecuzione dei servizi di gestione della Pubblica Illuminazione e la possibilità di applicare a questa tipologia di impianti tecnologie normalmente riservate ad impianti di tipo industriale. Infatti, il Gruppo Enercom a cui Simet appartiene, spazia sull’intera filiera dell’energia con una copertura orizzontale (dalla distribuzione del gas naturale alla realizzazione di infrastrutture per la distribuzione dell’energia elettrica passando per la Pubblica Illuminazione, le infrastrutture per la smart city e la mobilità elettrica sino alla produzione di energia rinnovabile) e verticale. Non solo, quindi, gestione o realizzazione di infrastrutture di distribuzione ma anche l’impiego efficiente dei vettori energetici e la loro vendita al consumatore finale. Questo nuovo contratto porterà ad un trasferimento di competenze che permetteranno, in un autentico knowledge melting pot, di applicare agli impianti affidati in gestione tecnologie normalmente riservate a differenti tipologie impiantistiche, sia civili che industriali. Sistemi di telecontrollo, di monitoraggio ed analisi dei consumi, di identificazione dei carichi esogeni e poi segnalazione dei guasti in tempo reale, operazioni di manutenzione in realtà aumentata sono solo alcune delle tecnologie che troveranno impiego in questo contratto. L’investimento previsto solo per queste attività sfiora i 2 milioni di euro, che saranno interamente ripagati col risparmio energetico nel corso dei 12 anni di durata dell’appalto.